Calexico, Edge of The Sun

di the wildcatter

23.04.2015 CALEXICO 

Andare a un concerto non è solo andare ad ascoltare buona musica, ma anche mettere in un calderone, circostanze, sensazioni e stati d’animo, situazioni e persone, oggetti, casi strani e casi ordinari. Mescolare il tutto e cercare di capire l’effetto che fa. 

Per l’unica data italiana dei Calexico io ci ho messo dentro più o meno quello che segue. Alte aspettative per una band mai vista prima dal vivo, rielaborazione mentale del grande potere evocativo di dischi come “Hot Rail” e “Feast of Wire” ascoltati a ripetizione tanti e tanti anni fa, dubbi per la scarsa conoscenza delle altre prove discografiche della band, speranza di ascoltare quella cover dei REM che hanno proposto in date precedenti del tour, tensione (!??!) per l’incertezza sulla presenza o meno del direttore Seimani, un mio vago senso di irrequietezza, l’ora prima della partenza passata nel cortile di un oratorio a giocare in giacca e cravatta con una banda di bambini riuniti per la festina di compleanno della mia nipotina, bambini da me letteralmente conquistati regalando loro, a sorpresa, un tot di palloncini e prestando loro semplici attenzioni, pensieri per chi avrebbe molto voluto essere presente ma che non c’è, l’idea di pregustare quella cover dei REM, pensieri per chi non c’è e si sarebbe molto voluto che partecipasse, la partenza in due invece che nel previsto gruppetto di aficionados, il deserto della BreBeMi, alcuni retro pensieri lavorativi, l’insolito ruolo di passeggero durante il viaggio, il pensiero che riuscire ad ascoltare “The One I love” dei REM sarebbe davvero un colpaccio, i panini rubati alla festina di cui sopra usati come cena e che potevano essere qualcuno in più, la Coca Cola calda, sonore risate, piacevoli racconti di aneddoti musicali, la spiacevole figura del losco bagarino associata ai tentativi maldestri di vendere il mio biglietto in più, ancora quella canzone dei REM, il gruppo spalla versione “Mumford & Son” dei poveri ma a tratti piacevole.



L’entrata in scena dei Calexico, i convinti sorrisi che si scambiano i musicisti, il caldo, il filo di depressione per la mia atavica incapacità di battere le mani a tempo e l’inevitabile mio essere fuori sincrono durante questo esercizio molto praticato dal pubblico e molto stimolato dalla band, il lieve disappunto per una versione sotto le aspettative di una delle mie canzoni preferite (“Ballad of Cable Hogue”), il mix di sensazioni generato dal fatto che a un certo punto fanno una versione pazzesca di “Love will tear us apart” e quindi però forse poi non ci sarà spazio per la canzone dei REM, il pubblico molto milanese, la percezione del grande mestiere e della sintonia di tutti i componenti del gruppo, la fisarmonica illuminata, la pianola a fiato delle medie, i fiati e il contrabbasso, l’amalgama dei suoni e quel sound così piacevolmente riconoscibile, il desiderio di essere teletrasportati seduta stante in un piccolo e rumoroso saloon a bersi una birra e fuori avere solo cactus e deserto, una certa rilassatezza momentaneamente conquistata, i volumi giusti, il tempo che scorre bene, le foto più o meno inutilmente scattate, il crescendo dei bis.

La genuina soddisfazione che già si manifesta al solo sentire la prima nota di The One I Love dei REM, il godersi questa canzone tanto attesa e chissà poi il vero perché (con tanto che in questo contesto rischio quasi di apparire irrispettoso nei confronti del ricco e fascinoso repertorio dei Calexico) e poi tutto quello che è venuto dopo, pur continuamente insidiato dall’insinuarsi nella mia mente di quella canzone dei REM : Vinicio sul palco (sì proprio lui, Capossela), lo straniamento nel seguire un po’ di cantato in italiano, gli applausi meritati, la presentazione della band, il tonfo di un microfono che cade, il doppio bis reclamato e ottenuto, il sincero “unbelievable” sussurrato poco prima del commiato dal leader della band a rimarcare la soddisfazione di essere davvero riuscito a regalare un bello spettacolo, le luci che si accendono, il vinile comprato e, poi, di nuovo, il deserto della BreBeMi.

15 commenti:

  1. com'è il Fabrique? Quanta gente ci sarà stata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dal loro sito si parla di capienza max 2500 persone.
      nel caso dei Calexico c'erano dei tendoni opportunamente piazzati per ridurre gli spazi ed evitare, alla faccia dei Calexico, un effetto "deserto".
      intento perfettamente riuscito, il locale appariva gremito. non so dire quante persone, se dovessi sparare un numero senza garantirne l'attendibilità direi 1.500/1.600.
      in ogni caso per me il locale promosso. per chi viene da Brescia poi evita di entrare nel centro di Milano e in un'ora secca si arriva (grazie al deserto della Brebemi)

      Elimina
    2. 2.950... (ho sbagliato a digitare!) Sorry

      Elimina
  2. Il nuovo album, come gli ultimi del resto, lo trovo noiosamente poppeggiante. Tanta nostalgia dei vecchi tempi, tanta....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cadillac Tranqui Tonky27 aprile 2015 10:12

      Garden Ruin e Carried to dust inutilissimi. Algiers decisamente meglio, l'ultimo non l'ho ancora ascoltato. Comunque tra tutti questi titoli e quanto prodotto fino a Feast of wire c'è un baratro.

      Elimina
    2. D'accordo su tutto ma l'ultimo sembra decisamente incoraggiante.

      Elimina
  3. Album in studio Calexico27 aprile 2015 09:48

    1997 - Spoke
    1998 - The Black Light
    2000 - Hot Rail
    2003 - Feast of Wire
    2006 - Garden Ruin
    2008 - Carried to Dust
    2012 - Algiers
    2015 - Edge of the Sun

    RispondiElimina
  4. Nel deserto della brebemi è però obbligatorio ascoltare i vecchi Calexico

    RispondiElimina
  5. Amedeo Kazzani28 aprile 2015 09:22

    Io quando sono stato negli States sono andato giù fino al confine tra Messico e Arizona solo per bermi una birra a Calexico e...non era mica chiusa l'uscita dell'autostrada? Che sfiga...

    RispondiElimina
  6. Dura Lex sed Calex

    RispondiElimina
  7. El Polpo D'Amor POGBA

    RispondiElimina
  8. SETLIST

    Falling From the Sky
    Across the Wire
    Cumbia de Donde
    Splitter
    Two Silver Trees
    Miles from the Sea
    Minas de cobre (For Better Metal)
    All Systems Red
    Moon Never Rises
    Ballad of Cable Hogue
    (with Sarah)
    World Undone
    Esperanza
    Fortune Teller
    Coyoacán
    Not Even Stevie Nicks
    Love Will Tear Us Apart
    (Joy Division cover)
    Alone Again Or
    (Love cover)
    Puerto


    Encore:
    Bullets & Rocks
    Tapping on the Line
    Crystal Frontier
    The One I Love
    (R.E.M. cover)
    Polpo d'amor
    (Vinicio Capossela cover) (with Vinicio Capossela)
    Pena de l'alma
    (Vinicio Capossela cover) (with Vinicio Capossela)
    Beneath the City of Dreams
    Güero canelo


    Encore 2:
    Corona
    (Minutemen cover)
    Follow the River

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quanto hanno suonato sei ore?

      Elimina
  9. Storie dal vivo de che, storie dal vivo de là28 aprile 2015 15:45

    Semper en giro ah?

    RispondiElimina
  10. Algiers è semplicemente un capolavoro.

    RispondiElimina