Outsiders: Tahliah Debrett Barnett (...Formerly Knows As Twigs)

di Tommy ThecaT

La ventiseienne londinese Tahliah Debrett Barnett entra nel mio piccolo universo sonoro in punta dei piedi, senza troppi annunci o clamori o recensioni mirabolanti, semplicemente con un video proposto dalla sua casa discografica ("Two Weeks"). Mi colpisce subito la sua semplice bellezza di stampo etiope, la voce carica e leggera e sussurrata allo stesso tempo ma ancor più le complicate trame elettroniche che sostengono il pezzo. Mi piace. Devo approfondire. 

Dietro a un nome abbastanza merdoso (FKA Twigs, formerly known as Twigs), si nasconde un'artista di cui fino a un mese ignoravo l'esistenza. Scopro che dopo due EP dal nome molto semplice (EP1 e EP2 tanto per non confonderli) T.D.B. ha appena pubblicato l'album di debutto LP1 (non ci si può sbagliare). Tahliah canta, suona, balla, è una deliziosa factotum. Nelle dieci tracce lo spazio lasciato libero dalla sua voce tipicamente r'n'b viene occupato da una serie di costruzioni elettroniche che abbracciano (forse in modo molto furbo per accontentare un po' tutti) diversi sottogeneri: il triphop bristoliano, il dub rallentato, il glitch frammentato e disturbante, il dubstep ossessivo. I ritmi sono scomposti e apparentemente disordinati, gli accumuli elettronici fitti e barocchi. Escono dieci pezzi molto piacevoli, stranianti e coinvolgenti. Album costruito egregiamente, forse eccessivamente sovraprodotto che regala momenti stupefacenti ("Lights On" e "Two Weeks" su tutti). 


Sono di fronte a una nuova stella fissa o forse a una fugace cometa che durante il suo lungo cammino si esaurirà lentamente? Difficile ad oggi esprimere un giudizio sensato. Sospendo le mie analisi, blocco le mie attività cerebrali, freno le mie sinapsi elaborative e lascio libero spazio alla seduzione musicale di F(I)KA Twigs. A me piace per il momento ma sento un leggero odore di bruciato. Tahliah devi stare molto attenta, sarò un segugio, non ti mollerò un attimo, alla prossima.

20 commenti:

  1. Grazie Maestro de 'na holta...29 settembre 2014 09:54

    A quando la recensione di Musicanidi dell'ultimo del "Maestro" invece? A me, me pare 'na strunzada...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una stronzata forse per l'uso massivo dell'elettronica?

      Elimina
    2. Uè piano che qui non si parla così del maestro "Grazie Maestro de 'na holta". Ocio...l'ultimo verrà recensito dopo attento ascolto e profonda riflessione. ma stiamo calmi.

      Elimina
    3. Grazie Maestro de na holta29 settembre 2014 13:40

      mamma mia che risposta piccata...ho solo chiesto che ne pensavate dell'ultimo perchè, ripeto: a me me pare 'na strunzada! Basta avere un computer e buttarci dentro quattro note a casaccio per fare quella roba lì.

      Elimina
    4. "dopo attento ascolto e profonda riflessione" figliuolo "dopo attento ascolto e profonda riflessione"...tutto a suo tempo.

      Elimina
  2. F.S.E (Fondazione Seimani Enchilet)29 settembre 2014 11:46

    ma quando il post cambia si può continuare comunque a insultare Seimani o bisogna farlo nel post pertinente

    RispondiElimina
  3. E' vergognoso che qualcuno venga proprio su queste pagine a insultare il Maestro.

    RispondiElimina
  4. La prova del cuoco29 settembre 2014 17:20

    Certo che se sostenete che la cosa peggiore per un artista e sotto mettete una citazione di Cohen dove dice: "La ricetta è quella di sempre, non l'ho mai cambiata"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah...touchè...c'hai fregato...forse che "la ricetta" giusta in assoluto non esiste?

      Elimina
    2. Beh, io alla trippa direi sempre di sì.

      Elimina
  5. 100.000...complimenti ragazzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Scarlett,
      sei per caso la mia amica Johansson?
      E'un po' che non si tromba.
      Trombiamo (tanto per rimanere in tema musicale)?

      Elimina
    2. Anonimo porti rispetto per le nostre lettrici. (Oltretutto tenga presente che ci sono non sottovalutabili possibilità che la signorina Scarlett sia in realtà un signor Enzo.

      Elimina
    3. Non faccio Johansson di cognome, ma non mi chiamo nemmeno Enzo!!!!!!!????!!!!!!!!!!!!!!!!?

      Sono una vera ammiratrice...ciao dogs!

      Elimina
    4. Ciao vera ammiratrice. (Comunque se ti chiamavi Enzo non c'era problema)

      Elimina
  6. Ma non sono 100 mila sono 100 mila e 124!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ora 100 mila e 133...panta rei anonimo.

      Elimina
  7. Bravi, a quando il sacrificio umano di Seimani?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' da due anni che ci proviamo...

      Elimina