Io ti fotto! (Musicanidi vs. Paolo Nutini - Caustic Love)

di Frank Pozzanghera

Non siamo usi cedere a pesanti raccomandazioni e se non avessimo per direttore uno dei blogger più corrotti che il mondo musicale abbia mai conosciuto (per chi non lo sapesse: tale ignobile individuo di nome Maurisio Seimani) forse non lo avremmo davvero mai fatto. Invece, talvolta, e pure immancabilmente a gratis, sono successe cose anche su queste pagine che probabilmente è meglio rimangano segrete...ma senz'altro non possiamo tirarci indietro se la pesante raccomandazione giunge nientemeno che dal rappresentate legale di Musicanidi, nonchè esimio avvocato, mr. Marteen Jason Statham (di base a Cincinnati per mai chiariti motivi fiscali), che da tempo tenta di attirare la nostra attenzione sul fenomeno mediatico Paolo Nutini, che fino ad oggi questa "redazione" (?!?) ha, volutamente o meno, completamente ignorato.
"Chi è Paolo Nutini? Che fa Paolo Nutini?", ci chiede ripetutamente da quel di Cincinnati il nostro avv. Pellixar Statham, "e cosa vuole da noi?".


Quale migliore occasione di occuparci della question posta, dunque, l'uscita di Caustic Love, ultima fatica del più volte citato cantautore scozzese.
Chi è quindi Paolo Nutini e perchè, prezzemolino di ogni titolato festival musicale estivo che si rispetti, si ritrova a dividere il palco con gente del calibro degli Interpol o dei Mogway, anzichè sguazzare nella fanghiglia musicale fagocitante cui ormai si ritrova ogni giovane emergente che tenti una qualsiavoglia carriera musicale? Potremmo limitarci a dire che il tutto è dovuto al successo del precedente These Streets, che grazie al solo passaparola della grande rete ha venduto dalla sua uscita più di un milione di copie in tutto il mondo, ma siccome il nostro è un blog che indaga nel profondo i meandri più ignoti del mondo rock, abbiamo voluto finamai anche ascoltarli questi dischi del Nutini, per comprendere appieno il perchè di questo clamoroso  successo.
Veniamo allora a Caustic Love, l'ultima fatica del nostro. L'album propone un furbo pop-soul che si adagia su tappeti sonori placidi e merdeggianti (e abbiamo scritto proprio merdeggianti) ideali per accattivare gli ascoltatori indie più distratti attraverso composizioni in cui tutto riesce a suonare impeccabilmente paraculo fino alla sublimazione totale del paraculismo stesso (e sì: abbiamo scritto proprio paraculo e paraculismo): voce, tastiere, basso, batteria...nulla ha altro scopo che questo in Caustic Love, come del resto ben preannunciava anche il precedente These Streets.

E allora? Cosa vuole da noi Nutini? Farci capire che ha voglia di sesso giovane, che ha bisogno di sincero affetto carnale, cosa vuole? 
Non ci è dato sapere, ma senz'altro il piglio spiega il perchè Paolo Nutini compaia a festival titolati come Glastonbury o Benicassim...belloccio e corrotto fino al midollo il Nutini è soprattutto un grande attirapassere (sì, abbiamo scritto proprio...) cui numerosi importanti festival non possono certo pensare di rinunciare. 
E allora? Dovremmo indignarci per la presenza di un Nutini su un titolato palco insieme a pezzi da novanta come Mogway o Fleet Foxes? Direi di no. Quest'uomo accontenta quasi tutti. Le sgridazzanti teenagers che sono lì solo per lui, quelli che non sanno nemmeno chi sia, ma che a quel punto potranno muoversi estasiati in un mare di sgridazzanti teenagers, le altre ragazze presenti sul posto che, noncuranti del fascino di Nutini, potranno comunque divertirsi a godersi lo spettacolo di un popolo indie trasformatosi per l'occasione in una masnada di allupati, che tampina delle teenagers sbavanti per un accattivante figaccione di nome Nutini, che sul palco fa musica di...ecco, fa musica di? Beh, in quell'occasione le canzoni del nostro potrebbero sorprendere, ergendosi a colonna sonora assoluta dell'immondo spettacolo da loro stesse creato. Ecco che a quel punto, a Benicassim, come a Glastonbury, tutto in quegli arrangiamenti ed in quelle note potrebbe ritrovare un suo orrido compiuto senso. E' questo, dunque, che vuole in fin dei conti Paolo Nutini? Non ne possiamo essere certi, ma senz'altro, se per caso allora in quel momento ci cercherete....beh, ci vedrete correre a gambe levate nel senso opposto. Grazie per l'attenzione e tanti auguri.

12 commenti:

  1. ho idea che se Nutini legge questa roba il vostro avvocato dovrà tornare da Cincinnati quanto prima...

    RispondiElimina
  2. AHAHAHAHAHAH! Grandi!

    RispondiElimina
  3. Nutini, uno di loro.

    RispondiElimina
  4. Ma poi spiegatemi, come può uno scozzese chiamarsi Paolo Nutini?

    RispondiElimina
  5. ma perchè questa cattiveria contro il povero Paolo Nutini? Siete gelosi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank Pozzanghera17 aprile 2014 15:15

      Guarda, nulla mi vieterebbe di essere geloso di Nutini, come del resto potrei essere geloso anche di Keith Richards o Tom Yorke, ma il punto fondamentale è che fa proprio musica di merda.

      Elimina
  6. SEIMANI SEI FOTTUTO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seimani se ti fai vedere a Glastonbury ti massacriamo.

      Elimina
  7. Cazzo, mi piace il pezzo di Nutini, devo preoccuparmi di me?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank Pozzanghera17 aprile 2014 16:38

      No. Sei solo gay. (che non c'è nulla di male poi...)

      Elimina
  8. Va bene, ci sta anche che non vi piaccia e che riteniate la sua musica tutta una merda. Ma se volete scrivere un articolo su un artista, potreste almeno fare la "fatica" di leggere due righe su Wikipedia. Magari scoprireste che 'il suo precedente album These Streets' in realtà è il primo che ha fatto e ne esiste un secondo prima di Caustic Love. Poi ancora, va bene vi fa proprio schifo Nutini ma dire che sia invitato ai festival solo per il successo che ha con le teenagers è una gran bella cazzata. Non conosco nessuna adolescente a cui piaccia questo artista, anzi, già difficile trovarne una che lo conosca. Non vi piace l'album? Okay, va benissimo. Argomentate su quello (magari dopo averlo ascoltato per intero, così evitate altre figure di merda). Vi fa così schifo da non voler nemmeno leggere due righe sul suo conto o ascoltare il suo lavoro? Bhe allora evitate di scrivere su di lui e cercatevi un'altro artista altrimenti rischiate di fare un articolo di merda (si proprio di merda!) Ciao, pace e amore :D

    RispondiElimina