Musicanidi di Maurisio Seimani: Giant Sand, PIL, Friends

THIS IS P.I.L.

   


Bisogna dargli addosso a dischi come questo. Bisogna dargli addosso perché non c’ è niente di più demodé che la reunion di un gruppo post punk nel 2012. Bisogna dargli addosso perché oltretutto, nel caso in questione, si tratta della reunion di un gruppo post punk fondato da quel John Lydon, al secolo Johnny Rotten, che con i suoi Sex Pistols il punk l’ aveva praticamente battezzato. Infine, bisogna dargli addosso, perchè  non si vede per quale motivo bisognerebbe sputtanarsi a riconoscere ancora credibilità ad un tizio che in Inghilterra ha partecipato  all’ Isola dei Famosi e si è prestato a spot pubblicitari semplicemente imbarazzanti.
Sì, non v’è davvero alcun dubbio: bisogna dargli addosso a questo stronzo bollito.
Bene, è dunque anche per rappresaglia che questo mese ho deciso che This is PIL non potesse mancare in questa rubrica. Non foss’ altro perché, mentre qualsiasi recensione che ho letto riguardo a questo disco mi ha annoiato a morte, nel frattempo This is PIL girava e saltellava sulla mia autoradio senza fare una grinza, alla faccia di tutti i pedanti discorsi in stile “una volta era tutto più bello”. Dal rutto iniziale, al rock dritto di Terra Gate, attraverso il mantra Lollipop Opera, e fino al finale di Out of the woods, tutto scorre via fresco e spassoso. E questo perché v’è dell’ onestà in questo album, nonostante tanti asseriscano che “lo si è fatto per soldi” (dimenticandosi peraltro che, se oggi si vuole fare un po’ di soldi, una delle idee peggiori è pensare di farlo producendo un disco) .
"This is PIL!", signori,e se non vi piace sputateci sopra a vostro piacimento! Tanto qui si è nelle terre dove al limite si alza il volume e...chissenefrega.
In una parola: rappresaglia
Giudizio: 3 palle e mezza

The Friends - Manifest! 

 

Non conoscete ancora i Friends? E allora è meglio che vi mettiate al passo con i tempi, se non volete essere i lettori di Musicanidi più out dell’ estate 2012!
Si sta scherzando ovviamente…non saremo certo noi, che ci siamo appena sputtanati facendo disco del mese l' ultimo dei PIL, a consigliarvi un album solo per la sua natura super-cool, trendy, o hipster-extramood de ‘sto cazzo.
No, la vera ragione per cui si consiglia l’ ascolto di Manifest!, disco d’ esordio del gruppo di Brooklyn The Friends, è che si è di fronte ad un opera prima di tutto rispetto. “Gli amici” si presentano con un pop orecchiabile quanto ricercato, che affonda le sue radici nella musica disco della New York di fine ’70: linee di basso sinuose, beats accattivanti, uniti ad atmosfere proprie del dream pop più melodico. Il prodotto è riuscitissimo. Regge in tutta la sua durata e tiene anche con il ripetersi degli ascolti. Il tempo ci dirà se si è di fronte ad un fenomeno passeggero o a qualcosa che è destinato a durare. Ma questo oggi vale quasi per qualsiasi album ci si trovi ad ascoltare, no? Godiamoci dunque l’ attimo.
In due parole: weird pop (…così si è autodefinita la band in una intervista).
Giudizio: 3 palle e mezza.

Giant Giant Sand - Tucson 

 

Attenzione signori, perchè i Giant Sand si sono trasformati in Giant Giant Sand! Detta così la frase sembrerebbe essere estratta da qualche saga fantasy giapponese, dove compare sempre qualche personaggio che nella seconda serie si presenta potenziato nella forza e nell’ aspetto da chissà quale epica battaglia combattuta in altri mondi. Ovviamente niente di più lontano dall’ estetica di Howe Gelb e della sua ensemble, fatta di stivali da cowboy impolverati, echi mariachi portati da venti  lontani e leggendarie storie di frontiera tex-mex…niente di più lontano da Tucson, la città universitaria così vicina al confine col Messico, impostasi negli ultimi due decenni come una delle grandi capitali della musica americana accanto a Nashville, Memphis, New Orleans, Seattle, St. Louis, Detroit…
Eppure, d’ altro canto, non si può dire che la metafora della saga fantasy giapponese non renda l’ idea di ciò che si può trovare nel nuovo progetto di Gelb e soci. All’ ultima formazione dei Giant Sand, si aggiungono infatti vari musicisti della scena di Tucson, un intera sezione d’ archi e la pedal steel di Maggie Bjorklund. L’ immaginario che ispira le canzoni non cambia di una virgola, ma il sound si fa dunque più monumentale, più musical, e...sì, più...gigante. Lo stesso Gelb ha definito quest’ album una Country Rock Opera ed è esattamente quello che è. Ovviamente questo va a discapito del sound altrettanto affascinante dei Giant Sand più scarni e lo-fi. Ma per nessuna ragione al mondo vi consiglierei di lasciarvi scappare l’ ennesimo capitolo di questa storia proveniente dalle terre lontane delle sabbie giganti qui, nella fattispecie, sempre più giganti.
In tre parole: Contry Rock Opera.
Giudizio: 3 palle e mezza.

Saluti a tutti i Musicanidi, ci risentiamo a fine luglio,

Maurisio Seimani.

(PS: prossimamente in "REC - Recensioni in breve": Neil Young, Liars, Trembling Bells and Bonnie Prince Billy, Peaking Lights, Crocodiles  e altri ancora...)

24 commenti:

  1. Lo senti il mio odio?28 giugno 2012 00:17

    Maledetto Seimani maledetto!

    RispondiElimina
  2. Ho ascoltato sia quello dei PIl che quello dei Giant Sand e devo dire che mi trovo sostanzialmente d' accordo con quanto scritto dal lurido.

    RispondiElimina
  3. Leggo su un quotidiano che oggi è morta la tigre di Michael Jackson e mi chiedo...anche la tigre in giardino...ma possibile che questo vivesse 24 ore solo in mezzo a stronzate?

    Comunque, riguardo a Thriller (si chiamava così, RIP.

    Let the tigers in the jungle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerco un po' d' Africa in giardino tra la mia tigre e il baobab...

      Elimina
  4. "The king is gone but he's not forgotten
    This is the story of a

    Johnny Rotten

    It's better to burn out than it is to rust
    The king is gone but he's not forgotten.

    Hey hey, my my
    Rock and roll can never die!"

    RispondiElimina
  5. Seimani l' unica entità a cui bisogna dare addosso, per la cronaca, sei sempre tu. Non dimenticartelo mai.

    RispondiElimina
  6. Seimani è Balotelli al quadrato

    RispondiElimina
  7. Bello ritrovare dopo tanto tempo questo spazio. Come al solito Seimani pecca di saccenza da tutti i pori. Johnny Rotten sinceramente fa un po' pena ma in questi tempi di decadenza e di invecchiamento fa la sua porca figura.I Giant Sand sono sempre piacevoli, artigiani della musica e Howe Gelb e' veramente uno di quei persoanggi fondeamentali del rock di oggi...per il resto fuffa al quadrato e tanta tanta supponenza di un Seimani che non conosce il confine tra il giusto e lo sbagliato, tra il bene e il male, tra il cacio e i maccheroni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bdfffffffffffffddnnnnddn ffdfddfdjhndtte

      Elimina
  8. Seimani sei un pazzo con la bava alla bocca. Hai mai pensato di ergerti a leader di un partito politico indipendentista del nord?

    RispondiElimina
  9. Sono d' accordo con il commento di Felice. I The Friends sono fuffa.

    RispondiElimina
  10. JWM ora è nella casa di Trozky. Purtroppo i Mariachi hanno detto che è troppo huero (bianco) per unirsi a loro !

    RispondiElimina
  11. A me i The Friens piacciono.

    RispondiElimina
  12. goooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooolllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll

    RispondiElimina
  13. Mariachi don't care Jebediah Wilson
    Mariachi wanna killa Jebediah Wilson
    Ocio alla posta che arrivano robe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariachi will transform JWM in a wired muppet.

      Elimina
    2. Bella storia la posta che arrivano robe!

      Elimina
  14. pioggia di ragni a tutti

    RispondiElimina
  15. J.W.Mariachi prossimo dio del mese !

    RispondiElimina
  16. J.W. Montezuma30 giugno 2012 23:06

    Adesso tutti amici di Mario, ma come e' bravo Mario e quanto e' fico Mario. Adesso non e' uno stupido negro vero?

    Adesso Mario piace anche a Borghezio "e' nato in Padania" dice.
    Beh fankulo Borghezio, Mario e' nato a Palermo!
    Piglia in culo trippone nazista!

    PS
    Io gli volevo bene anche quando stava sul cazzo a tutti.

    Anzi forse gli volevo bene solo per quello.

    Adesso mi sta un po' sui coioni.

    Scherzo

    MARIO SEI UN GRANDE!!!

    RispondiElimina
  17. Eduardo Hard (Ran) Core30 giugno 2012 23:26

    Oh seimani ma la finisci di spaccare il cazzo o no?

    RispondiElimina
  18. ma si puo' parlare di qualcos'altro che non sia calcio?

    RispondiElimina