Death...is Just the Beginning Vol.1 (1990)

di Demarga

...per me si va nella città dolente,
per me si va ne l’etterno dolore,
per me si va tra la perduta gente
lasciate ogni speranza, voi ch’intrate...

Inferno - Canto Terzo, Dante Alighieri




Un cielo plumbeo dove minacciose nuvole nere si stanno addensando; una gelida nebbia verde sale dal terreno di un camposanto. Arcane croci di freddo granito sono ancora visibili nel nebbioso mare sottostante che si sta diffondendo nella pianura; un albero scheletrico morente appare in lontananza. Manca soltanto la scarnificata mano di uno zombie che fuoriesce dalla sua secolare e fangosa tomba; la morte è l’inizio della fine, per tutti noi. Così si presenta la copertina di questa raccolta, edita nell’anno 1990 dall’etichetta discografica teutonica "Nuclear Blast"; label che ha contribuito, insieme all’inglese "Earache Records" alla diffusione del Death Metal, ed in generale della musica estrema, in ogni dove.


Una quindicina le band che vanno a comporre questo insano lavoro; brani nella maggior parte dei casi registrati male, malissimo: ma va bene così per chi prova piacere e godimento in questo frastuono immondo. Con una tecnica il più delle volte approssimativa se non scadente; gruppi che hanno fatto la storia dell’estremismo sonoro. Alcune di loro esistono ancora, anche se hanno purtroppo abbandonato l’efferatezza degli esordi.

Nessuna concessione melodica, nessun rallentamento e virtuosismo: soltanto cieca violenza verbale ed in musica, attraverso gli oltre settanta minuti di questo primo parto di una lunga serie di raccolte, almeno sette, che negli anni la "Nuclear Blast" proporrà a scadenza regolare.

Un intro di pochi secondi, pregno già di umori nerissimi e catacombali: è il primo brano e tocca ai Defecation dare il via ai successivi depravati minuti. Un Death Metal aggressivo oltre ogni misura il loro, con quella voce strappata che lacera i timpani: sono Mitch e Mick Harris, impegnati anche nei Napalm Death, le menti di questo progetto che avrà breve vita. Si prosegue con l’ascolto senza avere un solo attimo di agognata tregua: Atrocity, Benediction, Pungent Stench, Righteous Pigs, Incubus. Una, dieci, cento mazzate colossali che martirizzano letteralmente l’ascoltatore. Un flusso immondo di fango pestilenziale: come un Acheronte in piena che spazza via ogni appiglio, ogni speranza. Minuti infiniti, per lunghi tratti cacofonici.

E’ la volta degli americani Master, impegnati a distruggere e fare a pezzi "Children of the Grave" dei maestri Black Sabbath; ma il brano più terrificante è quello che conclude la ferale raccolta. Gli oltre sei minuti di "Dismembered" degli svedesi Dismember; lascio a voi scoprirne la bellezza (morbosa). La strada per l’Inferno è indicata con il sangue rappreso di profonde ferite che l’ascolto ha (de)generato.

Statene lontano, non fatevi irretire, potrebbe esservi fatale...DEATH is just the beginning...

P.S.
Concepito e scritto a penna in questa lugubre serata, ai cancelli del cimitero nei pressi della mia abitazione; chiuso in automobile, solo ed al buio. 

10 commenti:

  1. Death metal non a caso credo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti l'ho scritta dopo le ore 23 di quel tragico venerdì 13 Novembre dopo aver appreso le prime notizie di quanto stava accadendo a Parigi. Una sorta di esorcismo personale (drammatico).

      Elimina
    2. Mi sto toccando18 novembre 2015 16:52

      In effetti, titolo perfetto per la situazione attuale: morte, siamo solo all'inizio. Brividi.

      Elimina
  2. AHAHAHAHAHAH, ma chi sono i Defecation????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rispondo io che tanto ho apprezzato il Death Metal più intransigente; i Defecation sono una band Grindcore-Death nata sul finire degli anni ottanta a Birmingham in Inghilterra. Un disco spaventoso il loro esordio "Purity Dilution": nemmeno trenta minuti la sua durata. Un immondo suono quasi inascoltabile da tanto estremo. Il cantante, bassista e chitarrista Mitch Harris dal 1989 è diventato una delle colonne portanti dei maestri assoluti del Grindcore: i Napalm Death...I ABSTAIN...

      Elimina
  3. DEATH METAL E' IL MIO FOLK! COMBATTI NEL NOME DEL ROCKNROLL!

    RispondiElimina
  4. I defecation? Famosissimi, a inizio carriera facevano da spalla ai Gerontofag! http://musicanidi.blogspot.com/2014/09/scent-of-dialysis-il-ritorno-dei.html

    RispondiElimina
  5. Ma i Defecation li produce Seimani?

    RispondiElimina
  6. Il death metal sta alla musica come Seimani sta al buon senso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sovviene chiederti quanto segue: ma quanto conosci e quali gruppi hai ascoltato che suonano Death Metal?...INCARNATED SOLVENT ABUSE...

      Elimina