Storie dal vivo: Nirvana live in Bloom - Mezzago 17 Novembre 1991

di DeMarga
Che strano...Non ho mai scritto nulla di ufficiale riguardo uno dei concerti della mia vita; non conosco nemmeno io il motivo. Poi, in questi giorni, ricevo un sms da un caro amico che più o meno dice così: “Per un gruppo di 40enni come noi i Nirvana sono come il latte per i neonati: obbligatori ed essenziali”. Ho visto la luce, davvero!!! Ora sono pronto. Chiudo gli occhi e ritorno a quel giorno di tanti anni fa.

Ricordo, per mia fortuna, che il biglietto lo acquistò un mio amico in prevendita a Milano; era di domenica e partì da casa, abitavo nei pressi di Domodossola, a metà pomeriggio a bordo della mia mitica UNO bianca. A quei tempi non esistevano satellitari e quindi ci misi tantissimo a trovare Mezzago, posto dimenticato da Dio!!! Era la prima volta che mi recavo al Bloom e giunsi in loco tardissimo quando già c'era una gran ressa davanti al locale; riuscì ad entrare pochi istanti prima che il concerto iniziasse in un ambiente che già ribolliva dal numero eccessivo di persone presenti. Le cronache narrano che circa seicento corpi esagitati presenziarono; un caldo atroce mi accolse: lo ricordo perfettamente. Infine arrivarono i Nirvana che devastarono il locale con un’onda d’urto ed una forza micidiali. Kurt indossava uno spolverino chiaro; sotto il palco partecipai ad un pogo belluino, con tanto di stage diving: ero un professionista del mestiere ed infatti nelle mie zone ero conosciuto con il nomignolo di "pogoman".

Potete immaginare le canzoni che eseguirono: quasi tutto “Nevermind” che dal vivo acquistava in crudezza, spessore e cattiveria esecutiva; non mancarono anche brani tratti dal primo album ”Bleach”, anche se non ricordo i titoli; comunque la scaletta del concerto è facilmente reperibile in rete. Kurt ci mise del suo, con una ferocia ed un volume da spaccare i timpani. Per non parlare del forsennato drumming di Dave e del suono pesantissimo del basso di Krist: erano in tre ma sembravano in trecento. Sudavano anche le pareti del locale dal macello che venne fuori: dei pazzi i Nirvana sul palco; ancor di più noi del pubblico al di sotto di esso!!! Conclusero il concerto con “Territorial Pissings”; non penso sia necessario aggiungere altro...SPAVENTOSI. Terminata la battaglia dovetti uscire in fretta dal locale, perché il lunedì mattina incominciavo a lavorare presto e giunsi a casa distrutto, con le orecchie che mi fischiarono per giorni ma felice come raramente mi era capitato. Questi erano i Nirvana, un gruppo guidato da un ragazzo che semplicemente amava suonare, amava quello che faceva; ogni volta fa male ricordare di quel concerto, ma non importa. Rividi poi i Nirvana poche settimane prima della drammatica fine di Kurt al Palatrussardi di Milano nel Febbraio del 1994: era già un uomo morto che camminava, sconfitto ed ormai in procinto di cedere.

Ho frequentato il Bloom per tutti gli anni novanta vedendo tantissimi gruppi (Helmet, Godflesh, Motorpsycho, Cathedral, Down By Law solo per citare i primi che mi sono venuti in mente); ho conosciuto anche lo staff del locale milanese e venni a sapere da loro che prima del concerto Kurt si dimostrò una persona discreta, quasi timida e gentilissima. Acquistò anche dei vinili nel negozio-libreria del Bloom: era solo un ragazzo, come tanti.
...IO C’ERO e tutto questo rimarrà dentro me per sempre...


Drain You * Aneurysm * School * Floyd The Barber * Smells Like Teen Spirit * About A Girl * Polly * Lithium * Breed * Sliver * In Bloom * Been A Son * Negative Creep * On A Plain * Blew * Talk To Me * Oh, The Guilt * Territorial Pissings

22 commenti:

  1. John John John25 maggio 2015 09:12

    Pura invidia ma com'è possibile ci fossero solo 600 persone dopo il successone planetario di Nevermind?

    RispondiElimina
  2. Beh, Nevermind se non erro era uscito appena due mesi prima, a settembre...lì c'era solo chi aveva teso bene l'orecchio fin da subito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, con "smel like teen spirit" bombardavano alla grande

      Elimina
  3. Vi segnalo una cosa strana però sopra...sulla locandina del tour inserita nel post il concerto è fissato a giovedì 17.11.1991, come da vs. titolo, ma sulla locandina del Bloom il 20.11.1991...De Marga ricorda se era una domenica o un giovedì? Se no dovrete correggere. In amicizio, Bongo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Bongolian,
      l'ispettore Derrick ti fa una pippa mentre il Sergente Colombo ti massaggia i piedi. Da quello che ci racconta DeMarga, il concerto fu di domenica (....il lunedì, devastato, il povero DeMarga dovette andare a lavoro).
      A questo punto la prima foto del post dovrebbe essere errata. Dovrebbe....

      Elimina
  4. Sulla data sono sicurissimo che fosse di Domenica proprio per il fatto che il giorno dopo fu una levataccia lavorativa!!! Per chi non conoscesse il locale posso dirvi che il Bloom è un locale piccolo e quella sera era pieno come una scatola di sardine. E fuori una moltitudine di persone, piuttosto incavolate, era rimasta senza biglietto già praticamente esauriti in prevendita.

    RispondiElimina
  5. Bene. Aggiornato dunque il titolo del post con la data corretta.


    (***MUSICANIDI: UN BLOG CHE VI ASCOLTA***)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seimani, non è che c'avresti un centino da prestarmi per la serata?

      Elimina
    2. CAZZAROLA...Era domenica 17 Novembre 1991; ho anche controllato il calendario. Date retta ad un vecchio dalla buona memoria...AZZ..

      Elimina
    3. no! colpo di scena!!!! dovete riaggiornare il titotlo adesso!

      Elimina
    4. Fatto. Speriamo non ci siano altri scossoni!


      (***MUSICANIDI: UN BLOG CHE VI ASCOLTA FINO A UN CERTO PUNTO***)

      Elimina
    5. A questo punto la seconda foto del post dovrebbe essere errata.
      Dovrebbe....

      Elimina
    6. (***...FINO A UN CERTO PUNTO***)

      Elimina
  6. Basta foto di Cobain bambino, vi prego! Non se ne può più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul tema anche la redazione è spaccata.

      Elimina
  7. Apprezzo moltissimo il fatto che nessuno abbia ancora fatto una battuta su UNO BIANCA citata nel testo e la figura di SEIMANI

    La musica vince sempre sull'odio e l'invidia (che pure un po' provo nei confronti di chi può dire di aver visto i Nirvana dal vivo). -SEMICIT.

    Anche per questo, ma soprattutto per tutto il resto
    GRAZIE KURT!

    RispondiElimina
  8. AHAHAHAHAHAH! ma che cazzo fa Paul Anka?

    RispondiElimina
  9. Complimenti a De Marga per l'articolo. Vedo che la nostra discussione privata ha dato i suoi frutti!! ;-) Per la cronaca,la locandina postata NON E' quella originale. Nel 2011 ho organizzato al Bloom un tributo ai due concerti dei Nirvana e utilizzammo l'immagine del flyer del tour per pubblicizzarlo (ecco perché riporta 20 novembre...2011!!!).
    Ho creato un gruppo fb dedicato a chi era presente ai due concerti a Mezzago: chi vuole unirsi è il benvenuto!
    https://www.facebook.com/groups/280322652025907/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendevo il tuo quasi certo passaggio!! Sono io che devo ringraziarti, perché grazie al nostro dialogo privato mi hai "costretto" a rammentare di un concerto del quale conserverò per sempre due cose: il caldo allucinante e Kurt in forma da "spaccare" le orecchie"...Ho i brividi, davvero.

      Elimina
    2. Ecco svelato l'arcano enigma...quindi Turricano è tutta colpa tua. Ci offrirai una birra.

      Ora!

      Elimina
  10. E sia,birra per tutti!! :-) Ah, nel suddetto gruppo fb sono presenti le scansioni del volantino e,del biglietto d'ingresso originali,foto del concerto (quella nell'articolo purtroppo NON fu scattata al Bloom) e estratti audio (idem dicasi per il primo concerto,quello dell'89 coi TAD). Mancherebbero giusto la scaletta e un video. Lancio un appello: chi fosse provvisto di questa memorabilia apra i cassetti e ci faccia sapere! E' tempo di riportare alla luce questi reperti storici!
    Un saluto a tutti e in particolare a DeMarga!

    RispondiElimina
  11. Ed eccomi per un resoconto di questo mio scritto; per prima cosa è doveroso ringraziare tutti quelli che sono passati a commentare apprezzando la recensione: credetemi le vostre parole mi fanno bene, tantissimo. Fiammate e ricordi che sto cercando di conservare il più a lungo possibile di un concerto irripetibile per le cose che ho già segnalato. Un caro saluto a tutti, con un apprezzamento particolare a Turricano e TTT. Alegar fioi....

    RispondiElimina