Temple of The Dog: le origini di un mito - Colpo di Fulmine

 Movimento giovanile alternativo sorto negli Stati Uniti (in particolare a Seattle) e diffusosi in Europa nell'ultimo decennio del Novecento. In polemica con i valori degli anni Ottanta, il GRUNGE ripropone alcuni elementi della cultura hippy (ecologismo, non violenza), uno stile di vita semplice e un look trasandato.
 Enciclopedia Treccani

di The Driller Killer

Nel 2011 al Festival di Toronto viene presentato il documentario PJ20 diretto da Cameron Crowe. Racconta la storia dei primi 20 anni di carriera di uno dei piu' importanti gruppi rock anni '90 i Pearl Jam. La storia di 4, prima, e 5, poi, ragazzi americani innamorati della musica che si ritrovano loro malgrado a gestire un successo planetario, a diventare delle star senza esserlo e senza che gliene importasse granché; nel cammino incontrano un sacco di amici che come loro si ritrovano ad essere al centro dell'attenzione, idoli per milioni di ragazzini che vorrebbero imitarli.


Alcuni di questi non reggono il colpo e decidono di andarsene prima del tempo...starete pensando a Kurt Cobain e avreste in parte ragione, perche' all'inizio di questa storia prima che i Pearl Jam si chiamassero cosi' c'erano i Mother Bone Love gruppo che nasce dall'iniziativa di Stone Gossard e Jeff Ament e che riesce per primo a sfondare uscendo dalla scena locale di Seattle con un contratto discografico tra il 1988 e 1989...


La star del gruppo non e' Eddie Vedder, ancora nell'ombra, ma Andrew Wood un vulcano in subbuglio pronto a esplodere e conquistare il mondo che purtroppo si ferma ancora prima di cominciare il 19 Marzo 1990 portato via dalla solita maledetta overdose di eroina. Andrew Wood era veramente un leader, un trascinatore ma anche e soprattutto un ragazzo giovanissimo con molti amici che per ricordarlo decidono di formare un gruppo e pubblicare un disco. Il compagno di appartamento Chris Cornell (Soundgarden) e Matt Cameron (batterista dei Soundgarden all'epoca e dei Pearl Jam oggi)  i Mother Bone Love sopravvisuti Gossard e Ament,e i due loro nuovi compagni di scorribande Mike Mcready e Eddie Vedder (l'esordio dei PJ e' vicinissimo).

Quello che ne viene fuori e' la pietra angolare del grunge (la lineup lo dimostra al 100%) e si intitola Temple of The Dog pur discostandosi stilisticamente da quel genere musicale. Del resto i cosiddetti protagonisti del Grunge non avevano mai accettato la catalogazione imposta dalla stampa.
Un disco che e' veramente un omaggio, un ricordo di cuore ad un amico stimato e amato che improvvisamente e inutilmente, senza salutare, esce di scena. Certo un disco che risente dell'urgenza del momento e per questo artisticamente non avvicinabile alle produzioni incredibili di quegli anni (Nevermind, Ten e Facelift su tutti) ma che mostra le doti di alcuni futuri protagonisti della scena grunge. Primo su tutti Chris Cornell e la sua esagerata performance vocale nella grezza Say Hello 2 Heaven oltre alla realizzazione di Reach Down e del suo lunghissimo assolo di chitarra in perfetto stile '90. Quindi Eddie Vedder protagonista di quello che sarebbe diventato il singolo piu' noto del disco (non ha casa il brano migliore): Hunger Strike, dove duettando con Chris Cornell da sfoggio delle proprie doti vocali in una classica ballata rock emotiva e coinvolgente. 
Altri pezzi top del disco sono: Call me a Dog, Time Of Trouble, bellissima, dalle parti dei Mad Season e Your Savior con echi dei Pearl Jam che saranno in lontananza;  per un album importante piu' per il valore simbolico che ha rappresentato per la storia del grunge che per il valore artistico.
Buon ascolto.

13 commenti:

  1. Il Folle Eugenio17 febbraio 2014 08:55

    Caro Seimani, ti prenderei a botte fino a farti nero. A quel punto chiamerei i miei amici del Ku Klux Klan.

    RispondiElimina
  2. Jeans strappati a forza di calci in culo, tel chi el to grunge Seimani!

    RispondiElimina
  3. Non per soldi... ma per amore (Say Anything) (1989)
    Singles - L'amore è un gioco (Singles) (1992)
    Jerry Maguire (1996)
    Quasi famosi (Almost Famous) (2000)
    Vanilla Sky (2001)
    Elizabethtown (2005)
    Pearl Jam Twenty (2011)
    La mia vita è uno zoo (We Bought a Zoo) (2011)

    RispondiElimina
  4. Gran singolone dei Wild Beasts, da ascoltare.

    RispondiElimina
  5. Evviva, inizia Sanremo

    RispondiElimina
  6. Romino et Malsano18 febbraio 2014 17:12

    Altro che Festival di Toronto, esiste solo il Festival di Sanremo.

    RispondiElimina
  7. Sanremo e bbabbà forever!18 febbraio 2014 17:39

    Festival di Sanremo - Germania 4-3.

    RispondiElimina
  8. Amo Masini adesso posso dirlo

    RispondiElimina
  9. Spassionatamentex18 febbraio 2014 20:42

    Masini dio del mese!

    RispondiElimina
  10. "sarai sola contro tutti perchè io non ci sarò mentre piangi e lavi i piatti e la vita dice no"

    T'innamorerai.

    Lui viene mollato ed augura a lei una vita piena di sfiga e merda.Genio incompreso. Dio del mese subito.

    RispondiElimina
  11. Che bello San Romolo dov'è?

    RispondiElimina
  12. Non finisce micaqqua...19 febbraio 2014 19:14

    Questa volta non finisce con il cigolio di un letto nelle offese e nelle angosce di un orgasmo maledetto. (Masini master of the universe)

    RispondiElimina