"Tu forse non Essenzialmente tu": Rino Gaetano - Dio del Mese

Ci sono persone pagate per dare notizie, altre per tenerle nascoste, altre per falsarle. Io non sono pagato per far niente di tutto questo.
Rino Gaetano 

di Rsk


Amara sorte, che tocca a volte ai piu' grandi, quella di raccogliere da morti quanto seminato da vivi. Rino Gaetano era troppo avanti per essere capito e troppo in anticipo sui tempi per poter diventare una vera superstar. Rino Gaetano amava giocare e divertirsi, amava la musica "leggera" e mettersi in gioco e amava farlo a modo suo, senza dover essere istruito da maestri, buoni o cattivi che fossero. Lui che di maestri non ne ha mai avuti, e non ne ha mai voluto avere, indicava come riferimento solo un altro grandissimo della musica italiana: Enzo Jannacci. Con lui condivideva, forse, l'amore per un certo nonsense e un'ironia unica grazie alla quale ha potuto dire quello che voleva in una societa' incapace di intenderlo e di volerlo.
Rino Gaetano e' passato veloce, come la più classica delle stelle cadenti, bruciando tutte le tappe possibili in una manciata d'anni. Si comincia nel 1974 dall'album Ingresso Libero, già contenente la bellissima Tu forse, non essenzialmente Tu...

Tu / forse non essenzialmente tu
un'altra / ma è meglio fossi tu
hai scavato dentro me / e l'amicizia c'è
Io che ho bisogno di raccontare
la necessità di vivere / rimane in me
e sono ormai convinto da molte lune
dell'inutilità irreversibile del tempo
mi scegli alle nove e sei decisamente tu
non si ha il tempo di vedere la mamma e si è gia nati
e i minuti rincorrersi senza convivenza
mi svegli e sei decisamente . . .
Tu / forse non essenzialmente tu
un'altra / ma è meglio fossi tu
e vado dal Barone ma non gioco a dama
bevo birra chiara in lattina
me ne frego e non penso a te
avrei bisogno sempre di un passaggio
ma conosco le coincidenze del 60 notturno
lo prendo sempre per venire da te
Tu / forse non essenzialmente tu
e la notte / confidenzialmente blu
cercare l'anima 



...e si arriva fino al 1980 di E io Ci sto, il suo ultimo disco. In mezzo tutti i grandi successi del cantautore di Crotone: Mio Fratello e' figlio Unico con l'omonima canzone, Sfiorivano le Viole e Berta Filava, del 1975; nello stesso anno Rino pubblica, come singolo, Ma Il Cielo e' sempre piu' Blubrano che fa parte della storia della musica popolare italiana e che ha contribuito non poco, anche in modo opinabile (cover da discoteca e melensi serial tv sono li' a dimostrarlo), a farlo conoscere al grande pubblico. Poi Aida, album del 1977 dove sono presenti pezzi come Spendi Spandi Effendi (satira e critica sociale si mescolano sul tema del petrolio) Escluso il Cane, La festa di Maria tra gli altri. Il 1978 e' invece l'anno del suo piu' grande successo: il disco Nuntereggae più, ma è anche l'anno della partecipazione al Festival della Musica Italiana, chiamato per semplicità SanRemo, di cui dichiarerà:

Io penso che Luigi Tenco dieci anni fa sia morto di noia perché da ventotto anni Sanremo è sempre uguale, perché non c'è la buona intenzione di cambiarlo davvero...

Il successo del disco e del suo singolo Gianna sembrano un po' spiazzare artisticamente Rino che viene anche etichettato come qualunquista e populista a causa del brano (Nuntereggae più appunto) che dà il titolo all'album. Un inno all'antipolitica, potremmo dire di questi tempi, ma creato da una mente lucida e brillante, fortemente "politica" e consapevole che essere contro tutto e tutti non vuol dire necessariamente fregarsene di tutto e tutti. 

Aho', guardate che le canzoni non sono testi politici e io non faccio comizi. Questo è uno sfottò. Insomma, per me "Nuntereggae più" è la canzone più leggera che ho mai fatto.

Poi la morte, improvvisa e definitiva, sulla musica e l'arte di un personaggio comunque unico e da riscoprire intimamente, al di fuori del marasma salottiero nazional-popolare o della moda del momento. Magari attraverso una raccolta essenziale e indispensabile come La Storia del 1998:

  1. Ma il cielo è sempre più blu
  2. I love you Maryanna
  3. Jaqueline
  4. Tu, forse non essenzialmente tu
  5. I tuoi occhi sono pieni di sale
  6. Sfiorivano le viole
  7. Mio fratello è figlio unico
  8. Berta filava
  9. La festa di Maria
  10. Aida
  11. Spendi spandi effendi
  12. Escluso il cane


  1. Gianna
  2. Nuntereggae più
  3. E cantava le canzoni
  4. Visto che mi vuoi lasciare
  5. Ahi Maria
  6. Anche questo è sud
  7. Resta vile maschio dove vai?
  8. Solo con io
  9. Nel letto di Lucia
  10. E io ci sto
  11. Le beatitudini
  12. Ma il cielo è sempre più blu (2ª parte)

5 commenti:

  1. A 9 anni dal precedente, esce il nuovo album di Nino Bonocre "Segnali di umana presenza".

    Pare che su questo blog, vista la presenza del Disumano, non ve ne siano.

    RispondiElimina
  2. Dedicato a Seimani5 luglio 2013 10:49

    Lucio Dalla - Fottiti
    (io ci aggiungerei un "fess")

    RispondiElimina
  3. cercare l'anima...

    RispondiElimina
  4. Seimani nuntereggaepiù!

    RispondiElimina
  5. Questo è un bel pezzo su Rino!

    RispondiElimina