Musicani Awards 2012

a cura di Frank Pozzanghera

Amici Musicanidi, ben ritrovati. C'erano un tempo i Telegatti. Anzi, forse ci sono ancora, chi lo sa. E comunque, sostanzialmente, chissenefrega. Canale 5 fa cagare.
Permetteteci, ad ogni modo, di presentarvi qui sotto i nostri Musicani, ossia i dischi che più ci sono piaciuti nel corso di quest' ultimo anno.
A differenza di tutti gli altri blog musicali, che normalmente propongono le loro belle classifichine tutte precisine ed ordinate, su Musicanidi è stata data ad ogni collaboratore la possibilità di gestire come meglio voleva la propria sezione. Se vi state chiedendo perché abbiamo preferito procedere in questo modo, la risposta è che era l’unico modo in cui sapevamo procedere. Veniamo dal disordine.

Comunque, il risultato, come vedrete, è stato il seguente:
Seimani ha fatto pervenire il suo solito sbiascicato viscidume, Tommy ThecaT ha fornito il suo usuale contributo efficace e sintetico, Sir Old John Panama s’è sprecato a scrivere due righe (nel senso: proprio due righe, e fa sapere che consiglia Rebirth di Jimmy Cliff e Other Words dei Taken by Trees), mentre RSK è ai Caraibi....e quindi che gliene frega.
Riguardo al resto della ciurma: tutti gli altri sono scomparsi, a cavallo di renne selvatiche, dopo avere partecipato ad un rave di capodanno in Norvegia. DJ Macionela era in testa, The Driller Killer seguiva a ruota. Se avete loro notizie potete segnalarcelo a: musicanidi@gmail.com

In quanto a me...non consideratemi. La musica mi fa schifo, scrivo qui sopra solo perchè sotto ricatto ed odio Maurisio Seimani.
Una vita infame, insomma, tirate le somme.
Buona lettura.

Maurisio Seimani

BEST OF



Miglior disco d’esordio: Alt J – An Awesome Wave
Miglior disco di black music: Frank Ocean – Channel Orange
Miglior indie completamente ignorato: Diagrams – Black Lights
Miglior disco old school: Dr. John – Locked Down
Miglior disco brit-pop: Maccabees – Given To The Wild
Miglior disco welcome back: Mark Lanegan – Blues Funeral
Miglior disco roots: Michael Kiwanuka – Home again
Miglior disco spakkaculi: Pontiak – Echo Ono
Miglior disco songwriter: Bill Fay- Life Is People
Miglior disco experimental: Goat – World Music

Italia
Fine Before You Came – Ormai
Calibro 35 – Ogni riferimento a persone esistenti o fatti realmente accaduti è puramente casuale
Franco Battiato – Apriti Sesamo

Best of outsiders
Leonard Cohen – Old Ideas
Bob Dylan – Tempest
Neil Young – Psychedelic Pill
Bruce Springsteen – Wrecking Ball

 Tommy ThecaT

BEST OF

 

Gold medal: Bill Fay - Life is people
Silver medal: Rover - Rover 
Bronze medal: Cat Power - Sun

UK world: 
Toy - Toy
The Maccabees - Given to the wild
Alt J - An Awesome Wave
The Temper Trap - The Temper Trap
The XX - Coexist

Italia: 
Bologna Violenta - Utopie e piccole soddisfazioni
Colapesce - Un meraviglioso declino 
Offlaga Disco Pax - Gioco di società

Miscellaneous:
Experimental: Godspeed You ! Black Emperor - Alleluja! Don't bend! Ascend!, OM - Advaitic Songs, GOAT - World Music
Elettronica: Bobby Womack - The bravest man in the Universe (premio fusion electro-soul), Robert Glasper Experiment - Black Radio

Musicane alla carriera: Leonard Cohen


12 commenti:

  1. A me non frega un bitorzolo di mela di queste vostre ridicole classifiche comunque sono 2 i consigli che mi sento di darvi: Alt J, erano anni (almeno dal 2011) che non sentivo un disco cosi'. Afterhours: Padania non sara' il loro miglior disco ma il ritorno di Iriondo e le tematiche dell'album meritano un plauso...a parte che i milanesi adesso viaggiano per tutto il mondo. Per il resto non so neanche piu' come mi chiamo cosa volete che sappia dell'anno in cui siamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meriti di camminare davanti a Seimani lungo il viale che porta all'inferno.

      Elimina
  2. Ritorno di Seimani: Seimani peggior evento del 2012.

    RispondiElimina
  3. Tra la lista di Seimani e quella di Tommy ThecaT ho trovato più o meno tutto quello che mi è veramente piaciuto quest' anno.
    Perciò ho poco da dire, se non mandare affanculo comunque Seimani demmerda.

    ciao a tutti.

    RispondiElimina
  4. Ogni volta che ascolto quel pezzo di Cohen mi commuovo...

    RispondiElimina
  5. Ogni volta che ascolto quel pezzo di Cohen, vorrei spaccare la faccia a Seimani. Ma a ben pensarci anche quando non lo ascolto.

    RispondiElimina
  6. Seimani mela marcia

    RispondiElimina
  7. Nel meraviglioso mondo apple?
    ma amdate a cagare va!

    apple e' una merda!

    RispondiElimina
  8. Apple come Seimani

    RispondiElimina
  9. Il singolo del Duca è un capolavoro decadente di struggente tristezza....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamoci la verita': vive anche un po' di rendita, trattandosi di un mito quale e' , si puo' permettere una canzoncina cosi.
      Piacevolissima, per carita', ma che non aggiunge nulla alla sua incredibile e innovativa carriera. Questo bowie potrebbe essere il david sylvian di Dead Bees on a Cake; solo, e qui concordo, con la voce piu' struggente! Aspettiamo fiduciosi qualcos(in)a di piu' dal resto del disco...trattandosi del Duca.

      Elimina