Reggae Tales: Satta Massagana


La città e la metropoli
di Sir Old John Pajama

Arrivato in testa alle classifiche inglesi nell’ aprile del 1971 con il pezzo “Double Barrel” di Dave a Ansil Collins, il reggae, con estrema soddisfazione dei critici musicali locali che lo detestarono fin dal primo momento, nel Regno Unito venne dato per morto già sul finire di quello stesso anno.
Il “nuovo” genere musicale, insomma, ascoltato fino a pochi anni prima solo dai numerosi immigrati giamaicani, non venne trattato diversamente da tante altre mode fuggevoli che caratterizzarono la vita della capitale inglese fra l’ inizio degli anni 60 e quello dei 70.
London’s burning”, del resto, per dirla alla Clash: quale altra città al mondo brucia da sempre nelle sfolgoranti fiamme delle innumerevoli effimere mode con le quali continua ad alimentare il suo fuoco perenne?

Il successo dell’ early reggae, che fece più volte capolino nelle top ten inglesi fra il 1968 ed il 1971, era d’ altro canto strettamente connesso al fatto di essere stato adottato come musica di riferimento (insieme allo ska ed al rock-steady) dagli adepti di una di queste innumerevoli (effimere?) mode londinesi: gli skinheads. Quella degli skinheads è una sub-cultura sottoproletaria sviluppatasi a Londra nello stesso periodo, che a sua volta nasceva dal movimento mod, nato nella stessa città dieci anni prima. (Chiariamo che questi skinheads non avevano nulla a che vedere con gli estremisti di destra a cui oggi questo termine viene riferito). Il movimento non aveva connotazioni politiche, ma solo socio-culturali e si sostanziava nell’ uniformarsi a determinati canoni comportamentali che volevano ispirarsi a quelli dei rude boys giamaicani (per chi volesse approfondire sull' argomento rude boys: http://musicanidi.blogspot.it/2012/06/reggae-tales.html).

Ad ogni modo: brucia e brucia, Londra nel 1971 aveva già deciso che skinheads e reggae potevano già dirsi acqua passata. Nel 1972 nella capitale inglese già si impazziva per il glam-rock.
Quello che nel Regno Unito non potevano però sapere era che giù a Kingston, nel frattempo, dei neri tutt’ altro che skinheads (e dai dreadlocks anzi sempre più lunghi) non avevano ancora nemmeno lontanamente cominciato a darci dentro sul serio.

A Kingston, infatti, la notizia che diversi pezzi registrati sull’ isola avessero scalato le classifiche inglesi fece ovviamente un certo scalpore. Eppure, grazie a Dio, c’erano ancora tantissimi artisti dei ghetti a quali di questa cosa non poteva fregar di meno. Scriviamo “grazie a Dio” perché il reggae che si consumava in Inghilterra aveva connotazioni estremamente commerciali (molti pezzi erano cover di pezzi inglesi o canzoni d’ amore) e se quanto veniva esportato verso Londra fosse stato davvero tutto ciò che si suonava a Kingston probabilmente il reggae sarebbe tramontato davvero in quel lontano 1971.
In realtà nei ghetti di Kingston, dove Londra era solo un effimero sogno lontano, un luogo distante quanto la Luna o Marte, si produceva anche ben altro: il rastafarianesimo si insediava sempre di più nei testi delle canzoni, i giri di basso e le ritmiche cercavano sempre più una cupa alleanza con l’ Africa nera mai dimenticata.

Emblematico in tal senso è il caso di Satta Massagana. Incisa già nel 1969 dagli Abyssinians allo Studio One di Coxsone Dodd, la canzone venne accantonata (perchè non appetibile al mercato) fino al 1976, quando ricomparve nel doppio album del gruppo chiamato appunto Satta Massagana, considerato oggi un capolavoro della musica reggae. Il pezzo, il cui titolo è in aramaico antico e significa “Rendete Grazie” contiene tutti gli elementi descritti sopra ed è un perfetto esempio di quanto NON veniva esportato a Londra, mentre il reggae impazzava nelle top ten inglesi all’ inizio dei 70.

Ecco perché, mentre la capitale inglese  bruciava di nuove fuggevoli mode già dimentica dell’ early reggae, non poteva sospettare che Kingston nel frattempo s’ apprestava ad alimentare ancora una volta le sue fiamme con un combustibile ben più letale. 
Qui sotto proponiamo dunque Satta Massagana. Pensata nel 1969, infiammò appunto Londra nel 1976.
Rendete grazie, gente, rendete grazie! 
Enjoy!

24 commenti:

  1. Movimento mod ? Chiedo lumi, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://it.wikipedia.org/wiki/Mod

      Elimina
    2. Ricordiamo che riguardo alla cultura mod può essere illuminante la visione del film Quadrophenia del regista Frank Roddam, tratto dall' omonimo doppio album degli Who del 1973, che furono anche produttori esecutivi della pellicola. Il film, ambientato nella Londra del 1964, è un lungometraggio celebrativo della cultura mod, raccontata attraverso le vicende di un ragazzo appartente appunto a questa subcultura della capitale londinese.

      Elimina
  2. rendo grazie a te Sir Old john!

    RispondiElimina
  3. Sir Old John voglio conoscerti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehi sgallettata, ci sono prima io

      Elimina
    2. Ma non se la faceva già con Lady Badanna?

      Elimina
    3. Giù le mani da Sir Old John!!!!
      C' ero prima io!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  4. ma gli skinheads e i rasta si cagavano fra di loro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sir Old John Pajama20 settembre 2012 16:41

      In realtà no. L' unica convergenza era il fatto di ascoltare la stessa musica, che in quegli anni a Londra era facilmente reperibile, perchè i negozi specializzati nell' importazione di 45 giri di musica giamaicana si erano moltiplicati a macchia d' olio.
      Detto questo, ti riporto una battuta che sembra girasse a Londra in quel periodo:
      "Se un bianco vuole entrare vivo in un locale giamaicano è meglio che laggiù conosca un sacco di gente. Ma se vuole essere sicuro di uscirne vivo è ancor meglio che lì dentro conosca tutti".

      Elimina
  5. Sempre grande Sir!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Due anni fa sono andato a un concerto di un gruppo ska e c' era lì infatti un gruppo di teste rasate italiane con camicia a scacchi e bretelle che si muovevano come degli scimpanzè e mi ero proprio chiesto chi cazzo fossero.
    Adesso ho capito ma devo dire che lì per lì mi erano sembrati tutti solo un gruppo di imbecilli.
    Spero che Old John Pajama non me ne voglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sir Old John Pajama20 settembre 2012 18:02

      No, ho capito cosa intendi però...allora uno potrebbe dire che sembrano degli imbecilli quelli che si vestono ancora da metallari, l' altro che sembrano imbecilli i punk, un' altro ancora che sembrano imbecilli i ragazzini che si vestono alla moda hip hop...per certi versi allora qualcuno potrebbe dire che sembra un imbecille anche "el milanes" con i dradlocks fino alla cintura...

      Cioè, io la penso così: finche uno non rompe le palle al prossimo e sta bene con se stesso, che si vesta come vuole e faccia della sua vita ciò che vuole, boh...

      Elimina
    2. sempre che non sia uno di quegli imbecilli che si vestono alla moda hip hop pero'...

      Elimina
    3. oppure uno di quegli altri poveracci che si crede ancora negli anni '90 e si veste con le camicie dei tagliaboschi di seattle...
      quelli proprio sono degli imbecilli

      Elimina
    4. beh! perche' quelli li' che vanno in giro con i giubbotti scoloriti degli iron maiden...dove li mettiamo?

      Elimina
    5. Ma vogliamo parlare dei paninari allora?

      Elimina
    6. Sir Old John Pajama21 settembre 2012 08:49

      Continuo a pensare che sia molto più importante preoccuparsi di quelli vestiti da porci alle feste del PDL...

      Elimina
    7. X Giovitto

      CAZZO VUOI???? Tu come ti vesti? da pinguino in calore?

      Elimina
  7. Bel pezzo Satta massagana, Sir...

    RispondiElimina
  8. Seguo questo blog ma la mia passione e' Tullio De Piscopo. Riuscirete mai a scrivere qualcosa su di lui ?

    RispondiElimina