Un disco per l'estate: Finalmente Fiori degli Avion Travel - Meid in Italy

“Gia' non sembra più agosto e  di nascosto l'estate sa quale mare conviene quale mare andrebbe già bene”
 Via delle Indie



 






di The Driller Killer



Estate 1995  Giugno – Brescia
Lei: tieni questo e' il mio regalo per te
Lui: no dai! Grazie, che cos'è?...un disco! che bello!
Lei: si ascoltalo quest'estate in viaggio, cosi' ti ricordi di me, magari!
Lui: ah ah ah, ma cosa dici...

Giugno – Casello Autostradale Brescia Est – Ascolto n°1
Lui: Toh, prova questo!
L'altro: Che cazzo e'?
Lui: Boh, si chiamano Avion Travel
L'altro: Finalmente Fiori...ma che, dove l'hai preso
Lui: ma, niente me l'hanno prestato...regalato...
L'altro: Bah, mi sa di lagna...proviamo va!

Spiaggia di Marina di Grosseto- Ascolto n°16
Un inizio di tutto rispetto per questa estate troppo calda per me che non mi abituerò mai...
Questo disco e' un'altra storia, storia di malinconia, storia di ritmi latini e di ritmi gitani, un diffuso senso di frontiera un diffuso senso di viaggio, sempre il viaggio, piantato li in mezzo alle scapole. E allora via: con il ritmo nel sangue, con qualcosa che ricorda Conte, qualcos'altro che ricorda il Sud il nostro caro amato Sud, e quanto e' bella l'estate.

Una sera nella maremma- Ascolto n°29
Queste sagre toscane ti lasciano sempre una fame primitiva addosso, una fame che va oltre l'appetito e quando finisci con quel vinello nel corpo non sai mai se ritornerai. Ed e' subito e ancora malinconia mentre Peppe Servillo continua a cantare e a viaggiare con in faccia la cartina. Niccolo' prende la cartina e vuole...vuole essere cento lire, di tasca in tasca, vuole finire, senza capire in quale borsa benedire...vuole essere cento lire, il resto andante dell'ambulante, disegnato come un turbante sulle carte del suo Atlante. Cercando altre strade, paesi e contrade.

Luglio – Verso le Puglie – Ascolto n°65
L'altro: E' proprio un bel disco, pero' non stai scassando la minchia un po' troppo? Lui: “fischiettando”
Lui: “canticchiando”
Lui: Lascia perdere e' una battaglia persa, questo e' il disco dell'estate...
L'altro: ma cosa vuol dire “abbicchierato”?

Si vola incredibile, a dirsi si vola...con questo disco si vola lontano e si riscopre al tempo stesso quanto sia vicino il nostro lontano. L'Italia e' una perla: l'italiano e' una musica capace di dolcezze e temporali, gioie e vette altissime; nessuna parola e' fuori posto. Tutto scivola e si inerpica, incespica e trotterella piacevolmente.

Fine Luglio – Vieste – Ascolto n°82
Guardo il tramonto, dietro le case bianche, dall'altra parte il mare...bisogna ripartire, riprendere il cammino. Sfumature jazz e musica etnica, accenti partenopei e viaggi nel circo. Ecco, tutte queste anime racchiude questo disco.

Agosto – Da qualche parte tra Genova e La Spezia – Ascolto n°100
“20000 anni sotto i mari negli scafandri dei palombari”. Mi fermo a guardare le nuvole mi viene voglia di soffiarle via, mentre penso al ritorno sempre più vicino, la Piccola Orchestra suona una melodia-poesia e il ritmo si compone arriva da lontano da vicino dall'aria, una chitarra, un rullo di tamburi...la riconosco ormai, ormai le conosco tutte. Partono le note del piano e penso a te. Tu che sei improvvisa, indiscreta non ti curi poi di me, tenterò, proverò, da domani ti scriverò.

Fine Agosto – Brescia
Lei: ah ciao, come stai?
Lui: bene e tu...il...
Lei: bene
Lui: si...insomma cosa fai dopo...ci vediamo?
Lei: veramente, io avrei un impegno
Lui: ah capisco! Sai, il disco che mi hai regalato...e' bellissimo, veramente fantastico...cioè e' stato il disco dell'estate
Lei: il disco? Ah già ma qual'era non ricordo, sai?
Lui: Come!?!
Lei: si in realtà mi era stato consigliato ma io non lo conosco non l'ho mai neanche sentito
Lui: …
Lei: senti, ti posso chiamare dopo adesso ho una cosa da fare, scusa eh
Lui: …
clic

Estate 2012 - ascolto n°101
Finalmente Fiori, disco dell'estate 1995, e' solo uno degli esempi di freschezza artistica di questo gruppo poco conosciuto ma molto apprezzato che da sempre si confronta oltre che con la musica anche con altre forme artistiche quali cinema e teatro. Utilizzando sempre uno stile e un fare dotto ma senza essere mai altezzosi o snob gli Avion Travel capitanati da Peppe Servillo svariano tra jazz, flamenco, musica etnica e rock con dei testi sempre frizzanti e sognatori e contando ormai su di una discografia di tutto rispetto nel 2009 pubblicano il loro ultimo disco un sentito omaggio alla musica di Nino Rota.

9 commenti:

  1. E io che pensavo fosse TERREMOTO UAAAAA.....

    RispondiElimina
  2. E' una storia tristissima...ma non erano andati anche a San Remo ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'esattezza hanno vinto la manifestazione canora che citi nell'anno 2000 con il brano sentimento affiancandosi cosi a eminenti o emeriti rappresentanti della canzone italiana quali, solo per citarne alcuni: i Jalisse, Mino Vergnaghi, Aleandro Baldi, Emma, Scanu,Carta, Gio' di Tonno e Povia...

      Elimina
  3. Lo Sbudellatore Cortese28 agosto 2012 06:44

    Seimani ti ho comprato un biglietto di sola andata per l'inferno. Te lo mando?

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Sesso, sesso, sesso eri un assetato ?

      Elimina
    2. Perche' lei era l'acqua, l'acqua del peccato ?

      Elimina
  5. CAT POWERRRRR
    godooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  6. Poeta Scortese29 agosto 2012 21:38

    oh Seimani son tornato giusto il tempo per dirti "FACIADEMERDA".

    FACIADEMERDA!

    AHHH adesso sto meglio!

    RispondiElimina