Musicanidi di Maurisio Seimani:Allt J, Bobby Womack e Beachwood Sparks.

I tre dischi del mese consigliati dall' infame Maurisio. 

ALT-J - An Awesome wave

  

E’ stato positivo scoprire che uno dei dischi migliori che mi sia capitato di ascoltare dall’ inizio dell’ anno è l’ esordio di quattro ragazzini inglesi, incontratisi pochi anni or sono sui banchi dell’ università di Leeds. C’ è tutto quello che ci si aspetta di trovare in un buon album di indie rock, in questa prima opera degli Alt-J: la freschezza della gioventù, un’ equilibrata mescolanza di sonorità british e statunitensi, e una connessa arguta rilettura delle migliori sonorità offerte negli ultimi anni dalle due scuole, mai però asservita al puro citazionismo. Ne scaturisce una proposta molto originale e variegata: durante l’ascolto emergono inaspettatamente, ma con soluzione di continuità, echi dei Radiohead, dei Gomez, dei Fleet Foxes, di Moby, tanto per citarne alcuni. Una creatività caleidoscopica, che si presume possa solo crescere col tempo, portando a ipotizzare l'inizio di una bellissima carriera, sempre che i nostri proseguano sulla nuova e ottima via tracciata senza futuri inciampi. Il tempo ci dirà. Il presente, intanto, è un disco spassoso, innovativo, qualitativamente molto buono dall’ inizio alla fine, e profondamente credibile.
In una parola: caleidoscopico
Giudizio: 4 palle.

Bobby Womack- The bravest man in the univers 

  

Meno male che c' è stata la bella sorpresa degli ALT-J o anche questo mese ci sarebbe toccato mettere in cima alla lista dei 3 dischi consigliati l' ennesimo ritorno sulle scene di un vecchio veterano della musica in 4/4. Dopo le buone uscite di Dr. John e PIL non si vedeva l' ora di poter mettere lassù qualcosa di un po' più giovane. Eppure la si è rischiata anche stavolta, perchè l' ultimo disco di Bobby Womack, classe 1944, nome storico della musica black americana e non solo, è davvero eccellente. Questo senz' altrio grazie al lavoro in cabina di regia di Richard Russel ed al prezzemolino Damon Albarn (che già aveva arruolato Womack, poco tempo fa, per la sua Pastic Beach), che danno un grande contributo nel far sì che il disco poggi dall' inizio alla fine su un "tappeto electro" che dà all' opera una innegabile modernità e freschezza. E' bella musica black questa, e se si pensa alle ottime recenti uscite di gente come Aloe Blacc, Black Joe Lewis & The Honeybear, Dr. John, Michael Kiwanuka, Frank Ocean ed alle interessanti pubblicazioni dell' etichetta Daptone non si può che ribadire come la black music di questi tempi stia vivendo un'epoca innegabilmente esaltante, che non si dovrebbe lasciarsi scappare (anche se non si è amanti del genere). L'invito è dunque quello di procacciarvi tutte le opere citate sopra e di aggiungervi anche questa: tutta robba buona per una long hot summer.
In una parola: black
Giudizio: 3 palle e mezza

Beachwood sparks – The tarnished gold

  

Francamente non avevo la più pallida idea di chi fossero i Beachwood Sparks. Suppongo, in questo, di essere in buona compagnia. Scopro invece che The tarnished gold è da intendersi come il ritorno, dopo 10 anni di silenzio, di questa band californiana che si sarebbe fatta ben volere all’ epoca per due ottimi album molto apprezzati dagli addetti ai lavori. Va bè, lasciamo perdere e veniamo al presente.I Beachwood Sparks sono uno di quei casi in cui il nome del gruppo sintetizza e spiega già perfettamente quale sia la proposta musicale del gruppo stesso. Queste sono infatti ottime ballate acustiche che ti immagini cantate da 4 ragazzi su una spiaggia davanti a un falò, durante una lunghissima nottata estiva, sotto un cielo tempestato di stelle. C'è forse qualcos' altro da aggiungere? Potete snobbare questo disco (perchè tanto questa è roba che oggi i Fleet Foxes fanno molto meglio) o fregarvene e farvi portare via da queste onde piene di sole, volutamente leggiadre. Io vi consiglio la seconda soluzione, non foss' altro perchè in questo disco ci ho visto semplicemente molta sincerità, come traspare perfettamente dall' atmosfera di Mollusk, il pezzo qui proposto, che celebra un noto negozio per surfisti di Venice Beach dove si tengono regolarmente jam session musicali durante le serate estive. Surfista è anche il chitarrista della band Dave Scheer e insomma questa mi è sembrata gente che cavalca certe onde sul serio. Fidatevi...
In una parola: onde
Giudizio: 3 palle

Buone vacanze a tutti.
Maurisio Seimani

Prossimamente in "REC - Recensioni in breve": Beak, Dirty Projectors, Frank Ocean, Hot Chip, Om, The Beach Boys. PS: Non recensiremo per scelta Oceania degli Smashing Pumpkins.

35 commenti:

  1. Sei troppo vellutato !!!

    RispondiElimina
  2. Segnaliamo peraltro che gli ALT-J sono l' ultimo gruppo che è andato ad aggiugersi a quelli in programma all' A Perfect Day Festival di Villafranca. I nostri apriranno le danze domenica 2 settembre, data che vedrà comparire sul parco nientemeno che Sigur Ros, Mark Lanegan e Deus.

    RispondiElimina
  3. Piuttosto di leggere Seimani, mi metto a leggere la rubrica telefonica. Ha ben altri numeri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piuttosto che leggere Seimani, vado a un concerto dei Litfiba...UUUUUUAAAAAAAAAAAAAAAAA....

      Elimina
  4. maurisio Seimani cratere del male.

    RispondiElimina
  5. Non ho capito, perchè non recensirete per scelta Oceania degli Smashing?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurisio Seimani30 luglio 2012 11:43

      per quanto mi riguarda, perchè non ho nessuna voglia di ascoltarlo.

      Elimina
    2. Robe de macc...

      Elimina
    3. Seimani fa sito!

      Elimina
    4. Basta: Seimani sia chewingum per ippopotami. ne abbiamo avuto abbastanza.

      Elimina
  6. Gaetano Lapis Lazzulo30 luglio 2012 11:38

    Non conoscevi i Beachwood Sparks ? Fai schifo. Dimettiti, sparisci da questo blog, fogna fognosa che non sei altro.

    RispondiElimina
  7. Se i Litfiba hanno fatto Regina di cuori vuol dire che a tutt' oggi non capiscono ancora un cazzo.

    RispondiElimina
  8. H fatto partire tutti e tre i video contemporaneamente e mi sto piacevolmente sbiellando il cervello. Grazie Maurisio.

    RispondiElimina
  9. Per quel che mi riguarda Regina di Cuori e' la canzone piu' bella dei Litfiba ultimo periodo...voi siete dei moralisti che sbavano dietro alle cose di nicchia mentre rifuggete quelle popolari. Io forse nno ero ancora nato quando usciva Desaparecido ecc... pero' ho amato molto Mondi Sommersi e la penso diversamente...a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio Bruci la Regina30 luglio 2012 15:39

      Tu devi morire... ADESSO!

      Elimina
    2. Se per ultimo periodo intendi da lì in poi può anche essere, il che però è tutto dire.

      Elimina
    3. Bella cagata! Quando e' uscito Dark Side of the Moon io non ero nato, ma nn per questo non ascolto i Pink Floyd.

      Elimina
  10. Complichescion30 luglio 2012 16:02

    Oh Seimani... Ho scoperto che se ascolti contemporaneamente tutti e tre i video delle recensioni del Mese ad un certo punto puoi ascoltare distinatamente un coro di monache lesbiche centrafricane che ti mandano a fanculo

    RispondiElimina
  11. Ho scoperto che se ascolti al contrario Regina di cuori dei Litfiba la canzone diventa Stairway to heaven cantata da Seimani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' IL MESSAGGIO SUBLIMINALE PIU' DISGUSTOSAMENTE INFERNALE CHE MI SIA MAI CAPITATO DI SENTIRE.

      Elimina
  12. Generale Dietrolacollina30 luglio 2012 18:57

    Brian Jones unico vero genio degli Stones...
    Mick Jagger burattino delle multinazionali del pantalone attillato!


    Altra faccia dei Beatles un par di coglioni!
    come dire che Platini e' l'alter ego di Maradona
    come dire che Seimani e' l'altra faccia dello stronzo che ho cagato ieri stessa merda, ma diverso materiale

    RispondiElimina
  13. Cista La Notte30 luglio 2012 19:10

    Pol Meccarty e' un impostore messo li' dalle multinazionali della farina di semola...lo sanno anche le pustole di Seimani putride e puzzolenti.

    RispondiElimina
  14. Ummadorra Metokeicoren30 luglio 2012 22:42

    Sfrondi una porca aperta

    Spolp Merdartney e' il peggiore dei venditori di humus
    Ringo Starr schiavo delle multirrazionali della colla vinilica
    Geroge sei un grande
    John chi sono io per definirti?

    RispondiElimina
  15. Matispacco Lafazza30 luglio 2012 23:40

    Solo un mucchietto di inglesucci piagniucolante e maleodoranti di latte rancido, validi quanto le incrostazioni di sudore drogato rinvenute sotto le ascelle dell' unico vero re.

    Elvis kills them all!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tony Clifton piscia in testa a tutti

      Seimani come Ratzinger

      Elimina
    2. E ricordiamoci anche che senza la musica napoletana non esisterebbe la musica.

      Elimina
  16. Frank Pozzanghera30 luglio 2012 23:59

    Lasciate stare Ringo.

    RispondiElimina
  17. Allora, prima di tutto vorrei capire perche' insultate il grande Elvis, poi avrei anche da dire che Seimani ultimamente sta diventando una delle mie letture favorite, devo dire che se all'inizio ero un po' scettico adesso adoro quel suo fare un po' cosi' che lo rende tanto tenebroso e profondo...Comunque anche se adesso andremo tutti in vacanza, visto che e' agosto, e vorrei vedere, spero che Maurisio possa ritornare rinvigorito e arzillo come un grillo, dalle ferie del mese di Agosto...appunto. E' vero che in passato ci sono stati alcuni screzi tra di noi ma alla fine lottiamo entrambi per ristabilire il ruolo centrale dell'importanza del concetto di forma canzone nell'establishment della musica pop contemporanea...da questo punto di vista credo che nessuno come Maurisio stia dimostrando con amore e fervore a volte spasmodici l'anelito verso il miglioramento dei concetti di cui sopra. Continua cosi Maurisio!!! Vai!!! Anela piu' che puoi...io ti seguiro' con tutto il mio entusiasmo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che il cranio di Seimani diventi cibo per i leoni.

      Elimina
  18. Ho scritto Seimani sulla sabbia, mentre pisciavo in spiaggia e ora mi sento sporco.

    RispondiElimina
  19. Mina Lollofrigida31 luglio 2012 15:42

    Seimani
    mani mani come te
    sei mani te le metti in cul!

    RispondiElimina
  20. Julio Big Lesbian1 agosto 2012 03:53

    Sei Mani non vale
    Sei Mani non vale
    Seimani Maiale
    Seimani Maiale

    RispondiElimina
  21. a distanza di due anni la storia è sempre quella alt-j up up e mauriso seimani fango perenne e mute da sub

    RispondiElimina